Vuoto

È buio quando rientro a casa. Suono il campanello ma non risponde nemmeno Husky. Frugo in tutte le tasche in cerca della chiave. La trovo. Apro. Un fitto silenzio mi investe in pieno petto facendomi sorgere uno strano presentimento. Poso la valigia e mi chiudo la porta alle spalle. Due passi incerti e accendo la luce. Quello che mi appare è uno spettacolo raccapricciante:

Continua a leggere “Vuoto”

La scatola

Suonano alla porta. Chi può essere a quell’ora della mattina?
Posata la tazza del caffè, la donna va ad aprire. Si stranisce nel vedere un fattorino in divisa bianca impeccabile che la saluta sorridendo porgendole un pacco non molto grande e una ricevuta da firmare. Legge attentamente il nome del destinatario: è proprio il suo. Il nome del mittente non è compilato.

Continua a leggere “La scatola”

– Zia, m’annoio… mi racconti una storia?


– Passami il nostro librone che te ne leggo una.
– No, inventala te
Bien. Allora siediti qui vicino a me e ascolta.
Molte lune prima che tu nascessi, un’astronave proveniente da un’altra galassia atterrò a luci spente sul nostro pianeta. Ne  rotolò fuori un esserino bianco tutto tondo con una miriade di appiccicose ventose rosse urticanti: erano antenne ricetrasmittenti.

Continua a leggere “– Zia, m’annoio… mi racconti una storia?”