Non ho un bicchiere d’acqua

Non ho un bicchiere d’acqua
sopra il letto:

ho questo quaderno.
A volte ci segno parole nel buio
e il giorno che segue le trova
deformate dalla luce e mute.
Sono oggetti notturni
posati ad asciugare,
che nel sole s’incrinano
e scoppiano. Restano pezzi sparsi,
povere ceramiche del sonno
che colmano la pagina.
È il cimitero del pensiero
che si raccoglie tra le mie mani.

Valerio Magrelli

da “Ora serrata retinae”

30 pensieri riguardo “Non ho un bicchiere d’acqua

    1. forse è la Poesia in genere ad essere misconosciuta.
      Ho avuto modo di conoscere Magrelli anni addietro al salone del libro di Torino – Francesco Piccolo recitava le sue poesie – e i suoi versi mi han emozionata sin da subito.
      Qui, sul blog, ho postato altre sue e son piaciute a molti.

      Piace a 1 persona

    2. Vedi io seguo da tantissimi anni ormai la “poesia” in senso lato, e mi sto accorgendo che sempre più si fa strada la commercializzazione come anche nel mondo del “romanzo” . Vengono pubblicati autori che hanno avuto visibilità per altre cose e decidono di diventare poeti o romanzieri. Questo porta ad un impoverimento triste e anche allontana chi approccia alla lettura… comunque viva la poesia sempre

      "Mi piace"

    3. io seguo le “parole” da meno anni di te ma da abbastanza per potermi fare un’idea, del tutto personale, ovviamente, e penso che la Poesia oggi per troppi poeti sia diventata una sorta di gara alla “ricerca di stile” (o esercizio di stile) indirizzata a far colpo solo sugli “addetti ai lavori (intellettualoidi)”, salvo poi lamentarsi che la poesia è morta (per penna di chi, però, non se lo chiedono).
      La Poesia è viva, te lo assicuro, sono i Poeti (o pseudo tali) che non riescono più a comunicarla… a tanti, intendo.
      Scrivessero con cuore invece che solo con la testa… altrove.

      Una poesia, per me, non è bella o brutta: una poesia sottace o tace un’emozione.

      oh, bada neh, Pit, sono solo idee di un riccio ignorante (ma non presuntuoso), ovviamente.

      Piace a 1 persona

    4. Ti dico di più a volte una poesia astrusa che non decifri subito , ma ha qualcosa che ti emoziona, mi piace e la rileggo. Ma se non c’è nulla che mi colpisce di solito è come dici tu un esercizio soltanto

      "Mi piace"

    5. Mi fa piacere sapere che la pensi come me. anche se, per quanto astrusa, per piacermi (leggi comunicarmi) deve avere almeno un passaggio sensato, una chiusa “parlante”, altrimenti… restano parole mute.
      ora son crolla, mi accuccio e nanna.
      à demain, Pitty

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.