Va be’, taglio corto

che post lunghi col cellulare non riesco proprio a scriverne. Già, senza il ticchettio

veloce della tastiera (non ho portato il laptop con me in vacanza) mi deconcentro. Certo potrei anche rinunciare a postare ma mi scappa la voglia di fartelo conoscere, sicché vado al sodo.
Non ha neanche trent’anni, né una casa editrice forte alle spalle, è colto e del mese in cui siamo (lui, io e chissà quanti altri) nati scrive così:

ho scoperto che anche lui ama la poetica di Rilke e ascolta la musica di Bach tanto che gli ha dedicato più di una poesia. Prova a leggere questa con in sottofondo il secondo movimento del:

Invece, della scrittura pensa così:

L’hai sgamato vero? Sai chi è. Come sarebbe che non ne hai idea?
Leggi un po’ qui e dimmi se ancora non riconosci le sue chuise, la sua musica malinconica e perfetta

Vero che è splendida?
Huuumm! Bien, sì lo ammetto, mi sono innamorata – letterariamente – di lui sin da quando ho letto una sua poesia da un blogger (prima o poi scoprirò dove trovi tutte queste chicche, Sig Blogger… !). È stato un vero colpo di fulmine! che dopo avermi spinta a desiderare quel post qui nel mio spazio, mi ha fatto mettere soprasotto il web per scoprire tutto dell’autorei.
Et voilà, dopo pochi giorni ricevo questa

Gymnopedie, esercizi per resistere al dolore
(chiusa del libro)

sua prima (e al momento unica) silloge: quarantatré poesie dense di emozione, che non ho letto d’un fiato ma lentamente (come si fa con La Poesia) in modo da assorbirne le parole, l’eco, i richiami, la meraviglia

^_* à la prochaine fois

15 pensieri riguardo “Va be’, taglio corto

    1. Uuuuh non sai quanto ti sia grata per questo commento, LuxOr.
      Vedi, ammetto che io di metriche e via discorrendo non ne capisco proprio, io “giudico” (che brutta espressione) solo dalle emozioni ricevute dalle parole che mi scorrono sotto gli occhi (per questo amo leggere) e sapere che un poeta come te è d’accordo con il mio pensiero, mi entusiasma davvero.

      Piace a 2 people

    2. Grazie, sei gentilissima. Sono lusingato e un po’ arrossisco… anch’io quando leggo una poesia mi lascio trasportare dalle emozioni. E’ questo ciò che conta. Un caro saluto.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.