… sicché

quando mi acchiappa la voglia di coccole (letterarie) o di sentirmi dire parole ovvie ma non banali, tenere ma non smielate, gioiose e giocose, semplici, immediate, garbate, da

qualcuno che sembra leggermi dentro, compro un altro libro di Gio Evan e lo divoro lentamente.

Ora qui con me c’è il suo ultimo Ormai tra di noi è tutto infinito che, oltre alle chicche poetiche, contiene un “Evanario”: una sorta di sfizioso mini vocabolario arguto, entusiasmante nonché buon viatico alla riflessione su quei termini che, di solito, mi piace chiamare “parole matrioska”.

Appena lo finisco di leggere estraggo a sorte (sì, a sorte, perché finora trovo siano tutte meritevoli) una poesia o una definizione e ve la posto, ma se ne siete curiosi e impazienti correte in libreria.
😉

Una risposta a "… sicché"

I commenti sono chiusi.