Domani

Il fumo della sigaretta aleggia
nel salotto. Le luci della nave

laggiù al largo si affievoliscono. Le stelle,
buchi bruciati nel cielo, s’inceneriscono, sì.
Ma va bene, è quello che devono fare.
Quelle luci che chiamiamo stelle.
Bruciare per un po’ e poi morire.
Io ho una fretta del diavolo. Vorrei
fosse già domani.
Ricordo che mia madre, Dio la benedica,
diceva: Non desiderare il domani.
Così sprechi la vita in desideri.
Eppure lo desidero tanto
questo domani. Con tutti i suoi fronzoli.
Voglio che il sonno venga e se ne vada, tranquillo.
Come passare dalla portiera di una macchina
a un’altra. E poi svegliarmi!
E trovare domani nella stanza.
Ora sono più stanco di quanto riesca a dire.
La mia scodella è vuota. Ma è la mia, capite?
E io l’adoro.

Raymond Carver
(da Racconti in forma di poesia)

8 risposte a "Domani"

    1. Lo hai appena fatto, Marcello. ^_^
      Anche se non parlo molto, trovo che le parole abbiano quell’anima che uno statico like non ha, per questo qui sul Blog non ci sono.
      Carver affascina molto anche a me, nonostante le “dicerie” sui suoi scritti. mi piace definirlo l’Hopper della letteratura.

      Piace a 1 persona

    1. (eri finito nello Spam 😥 )
      penso che ogni nostro periodo anbia il suo autore, a volte desideriamo essere cullati e allora ci affidiamo, per esempio, a Proust, altre viviamo d’istanti e allora un Carver è quel che ci vuole, È il bello del piacere di leggere ^_^ Non trovi?

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...