De longues ombres

Viene sempre facile esternare i motivi di allegria, chiunque è disposto ad ascoltarli, ma quando  nostalgia e malinconia mi assalgono, preferisco rimanere in silenzio  
e fingere, a me e agli altri, che il sole splenda. Almeno fino a che posso, fino a che le ombre non si ingigantiscono e stringono allo stomaco. A quel punto non mi resta che rintanarmi in camera e… sfogare sulla tastiera del PC.

Mi manchi, Prof.  È innegabile. Ti ho chiuso fuori dalla mia vita, sprangando porte e finestre, buttandomi sul lavoro, sicura che  ti avrei dimenticato in fretta, ma non è servito a nulla. Illusa. Non posso dimenticarti.
Mi manca la tua voce, le tue stramberie, le tue lezioni da vissuto, le tue storie esagerate, le litigate (troppe), le risate (sempre meno), il  parlar in codice… le tue braccia, i tuoi baci (sì, anche quelli. Non è così strano, se comprendi cosa intendo)
L’eco  delle tue  parole passate, mi colpisce spesso e inaspettatamente facendomi sorridere: quanta allegria c’era un tempo tra noi. Peccato non si possa riavvolgere il nastro…  lo rifarei immediatamente e lo fermerei a quel Dicembre.

Così, per scacciarti dalla mente, ripenso alla tua spocchia, ma mi torna in mente in tuo sorriso. Ripenso alle frasi taglienti, ma  si sostituiscono con quelle sceme dette per ridere. Mai conosciuto un professore più casinaro e casinista di te.
Sai che immagine di noi mi sta venendo in mente in questo momento, Prof? Io e te,  occhi  negli occhi, abbracciati, ci scambiamo carezze… con in dosso i guantoni da box (sempre pronti per  ricominciare a boxare).
Rido da sola come una sciocca, pensandoci. Però, ammettilo, Prof, quest’immagine è la trasposizione della realtà, di quel che è stato e speravo che continuasse, perché così io intendo un rapporto a due: vivo, energico,  entrambi sullo  stesso livello, affiancati.

Io lo so che sei sereno con la tua donna, Prof. Lo so e ne son contenta. Solo che oggi mi scorri nelle vene pulsando più del solito e l’unico modo che ho per dirtelo è scriverlo anche se  Tu, qui, non leggerai mai.

Au revoir, mon Professeur. Toujours vôtre
Chloé 

Parigi, 20 agosto 2016 

16 risposte a "De longues ombres"

  1. Conosco una persona, tra un social e l’altro, che nel suo dir francese mi ha sempre voluto insegnare che ogni cosa ha il suo tempo. Persino dimenticare, anche se è impossibile del tutto.
    E ti dirò, non è neanche giusto dimenticare qualcosa. Bella o brutta che sia. Lascia comunque un insegnamento, che sicuramente vale la pena ricordare.
    Questo post, sì, meglio non farlo leggere al destinatario. Anche se chi lo ha scritto, ha una gran voglia di farlo leggere. Presuntuoso, sostengo questo.

    Mi piace

    1. Bentornato, Mon écri’ ^_^
      Ogni cosa ha il suo tempo, è vero, ma quanto tempo occorre per riporre nella scatola dei vecchi ricordi un pezzo di vita?
      Credo che dimenticare un amore sia inversamente proporzionale all’intensità con cui lo si è vissuto. Meno si ama, prima si dimentica e lo si sostituisce con un altra avventura.
      Qui il Prof non legge, ha di meglio.

      Piace a 1 persona

    2. Le scatole si riaprono e anche quando si buttano non ne dimentichiamo il contenuto.
      Leggo quando posso, ma solo pochi blog. Non penso rientrerò a scrivere o comunque non presto.

      Mi piace

  2. Il tempo, fortunatamente, cancella l’intensità dei ricordi. Alla fine rimarranno immagini significative dei sentimenti. È come guardarsi allo specchio: per quanto dolorosa sia l’immagine riflessa, mai potrà prenderti a schiaffi.
    (ora mi segno questo pensiero perché m’è venuto veramente bene 😀 )

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...